Area 51

scritto da alessandro il 6 settembre 2003 Commenti 0 Guerre e Complotti

È uno degli oggetti più misteriosi del mondo moderno, una continua sorgente di dicerie, supposizioni e leggende. È la zona in cui, secono l'immaginario collettivo moderno, siano nascosti UFO, uomini in nero, segretissime e pericolosissime armi batteriologiche...
Ma cos'è realmente l'Area 51? È una sezione del poligono nucleare ed areonautico di Nellis, una vasta zona militare che comincia ad estendersi a circa 150 km da Las Vegas; essa è situata nel letto del lago prosciugato di Groom Lake, ed è conosciuta anche con altri nomignoli, come Dreamland, Watertown, The Rach e Skunkworks.
Questo vaso complesso militare cominciò la sua attività nel 1954, dividendo anche alcune basi sotteranee con la CIA fino al 1972. In effetti in questa famigerata base vengono fatti esperimenti. Proprio qui vennero progettati e realizzati alcuni ricognitori strategici (gli U-2 e SR-71 Blackbird), e dove (forse) si starebbe lavorando ad un nuovo ricognitore chiamato "Aurora" che arriverebbe a velocità straordinarie fino a Mach 6, e proprio tali progetti vennero anche coinvolti in leggende di carattere ufologico.
Raggiungere l'Area 51 non è impresa facile. Strade sterrate ed una posizione particolarmente nscosta, tanto da non renderla visibile a distanza (pensate che gli enti governativi, nel 1984, sequestrarono circa 89.600 acri di terreno pubblico attorno la base militare per limitare l'osservazione da parte di semplici curiosi...).

Una foto satellitare che mostra l'estensione della base militareLe varie dicerie nacquero intorno agli anni '80. Proprio nel 1980 Dave L. Dobbs, giornalista ed ufologo di Cincinnati (Ohio), ricevette una lettera da un radiotecnico di nome Mike Hunt. Egli fu tra i primi che associarono le attività dell'Area 51 e gli UFO. Nelle sue testimonianze, Hunt sosteneva di aver lavorato laggiù nei primi anni '60 per conto della Commissione Atomica Statunitense, e di aver appreso che un UFO vi sarebbe stato trasportato dalla base aerea di Edwards, in California. Secondo le sue fonti il progetto era chiamato «Project Red Light» e avrebbe incluso lo studio della propulsione di almeno tre UFO catturati e di due alieni. Da lì in poi si susseguirono dichiarazioni più o meno valide di semplici appassionati che avrebbero scoperto dei segreti, e di militari pentiti che avrebbero resi noti di progetti dell'Area 51.
La vera svolta ci fu però nel 1989 quando un certo Robert Scott Lazar (ve lo ricordate? lo abbiamo già incontrato sulla storia del falso allunaggio), si presentò in una nota trasmissione televisiva americana e raccontò una serie di cose incredibili sulle reali attività dell'Area 51, dove avrebbe lavorato dal 1988.
Quelle che fino a quel momento erano leggende passate di bocca in bocca, ora erano arrivate un pò in tutto il mondo con la televisione. Il fenomeno UFO - Area 51 era ormai scoppiato.
Il mito era nato e stava ormai dilagando, tanto che nel 1996 lo stato del Nevada ha ribattezzato la statale 375 (che corre lungo l'Area 51) "Extraterrestrial Highway"... cosa non si fa per attirare i turisti!

Commenti

Commenti chiusi
Seguici via RSS


RecentComments

Ultimi Commenti
Comment RSS
Login
Accedi
 
 
Log in